St21 – Gazette – Edizione 1

St21 – Gazette – Edizione 1

Studio21 meets King Charles


Photo by: Zerototree

Q: Chi sei?
A: Vengo dalla zona sud di Chicago, sono un ballerino e sono anche un musicista, grazie alla danza. Sono figlio di due musicisti, in effetti la mia famiglia è interamente composta da musicisti.
Rappresento uno stile chiamato Chicago Footwork, ma soprattutto ballo per esprimere ciò che provo.

Q: Cos’è il Chicago Footwork?
A: Lo stile del Chicago Footwork non è una cosa creata così su due piedi, ci sono voluti molti anni per raggiungere i livelli di vocabolario, conoscenza e comprensione che sta avendo adesso. Io appartengo alla terza generazione, ci sono state ben due generazioni prima della mia: ciò significa che questo stile è nato negli anni Ottanta, insieme alla musica house. Infatti, molto di
ciò che caratterizza il Chicago Footwork è nato subito dopo la musica house e, proprio come la musica house, il Chicago Footwork è un po’ il nostro bambino, la nostra creatura.All’inizio non si chiamava così ed era fatto soltanto di freestyle e libertà. La gente proveniente dalle comunità nere si
esprimeva con il footwork, il popping ed il locking traendo ispirazione da Soul Train e dai b-boy, e così era anche per i latini, gli omosessuali e molti altri, tutti riuniti nello stesso posto. Così il Chicago Footwork è diventato più di una moda, più di qualcosa che una persona poteva semplicemente passare a qualcun altro. Alcuni dei passi base derivano dalla zona est di Chicago, e una volta che questi passi sono arrivati nel sud il Chicago Footwork è esploso. Da lì, i DJ hanno cominciato a giocare con la musica, e
questa è stata una delle ragioni principali della nostra evoluzione: hanno alzato la musica e ne hanno cambiato la velocità ed il “sapore”. Così si è passati dall’house alla ghetto house, anche detta booty house, e poi
al juke, aumentando sempre più la velocità ed il tempo: dai 120 bpm di allora siamo arrivati perfino a 150-160 bpm, che è la velocità a cui balliamo normalmente oggi. In questo modo il Chicago Footwork è diventato una categoria a se stante e ben definita in mezzo a tutte le danze tradizionali di Chicago.


Leggi tutta l’intervista a King Charles sull’Edizione 1 di Gazzette – PDF

Guarda l’intervista sul canale IGTV di Studio21:
– Parte 1: https://www.instagram.com/tv/BvhbsmIosQZ/?igshid=l9iuum1c16ft
– Parte 2: https://www.instagram.com/tv/BvjV8RBItmU/?igshid=19b43nnwhj3zd



Photo by: Zerototree

Reverb

REVERB sarà il primo beat tape realizzato da SPARTA, Danzatore & Dj/Producer Milanese.


“Il progetto nasce dal desiderio di mettermi alla prova nella produzione di un genere musicale ATTUALE, dopo anni trascorsi a ricercare una mia identità nella cultura Hip Hop e la giusta reputazione nella scena del Beatmaking underground nazionale ed internazionale”.
REVERB infatti racchiude nelle sue 5 tracce tutto il soul, il jazz, le melodie e le atmosfere appartenenti alla black music, interamente suonato e senza l’utilizzo di alcun campione, in chiave VAPOR TRAP!

“La vera sfida è stata proprio quella di rispolverare la mia tecnica di pianista/violinista al fine di comporre le tracce senza fare affidamento a suoni preconfezionati o campionati. Provengo dal classico boombap e per chi mi conosce sa quanto io sia conservatore e tradizionalista, in questo Ep avrete modo di conoscere uno SPARTA 2.0”
REVERB si fa forza delle atmosfere vaporee, supportate da drums incalzanti e in continua evoluzione tipicamente TRAP, linee di pianoforte e synth combinati fra loro al fine di PULSARE nei cuori senza venire meno allo SPIRITO e alle REGOLE della musica Hip-Hop.
“Dinamico, energico, ribelle e sensuale, aggettivi che hanno tutti un minimo comun denominatore, ANIMA.
Questo beat tape vuole avere lo scopo di risuonare, vibrare e risvegliare l’anima di ognuno di noi.”
REVERB verrà pubblicato in versione digitale e su cd a tiratura limitata.

IG: Sparta_hwf
BANDCAMP: djsparta.bandcamp.com
Francesco De Luca


SCARICA LA VERSIONE INTERA DI GAZETTE EDIZIONE 1 – PDF


STUDIO 21 PLAYLIST

by Marco D’Avenia

  1. THE LOOK OF LOVE, PT. 1 – SLUM
    VILLAGE, J.88
  2. SUN – DAZZLE DRUM – SUN /
    INNER VIEW
  3. NON – BELIEVERS – VOCAL MIX – DJ
    OJI
  4. LOOKING UP – HEZEKIAH
  5. ALL GOOD – ILLA J
  6. SWAG ON – KAZAM
  7. KEYS (INSTRUMENTAL) – COOKING
    SOUL
  8. NAVIGHERO’ LA NOTTE – NEFFA
  9. I FOUND MY SMILE AGAIN –
    D’ANGELO
  10. I DON’T KNOW – SLUM VILLAGE
  11. NAH MEAN – NAS, DAMIAN
    MARLEY
  12. AGAIN – WUN TWO
  13. ALLURE (INSTRUMENTAL) – KEV
    BROWN
  14. SAMBA TO MESSAGE YOUR MATE
    BY – WUN TWO
  15. BACK TOGETHER AGAIN –
    OPOLOPO REMIX
  16. SOUND OF THE SUMMER – JAZZ
    JUICE
  17. SHARE – DJ SPEN
  18. HOLD IT DOWN – 4HERO
  19. BE – ATJAZZ
  20. WHERE DID YOU GO – SHEA
  21. OVER THRONE (INSTRUMENTAL) –
    DAMU THE FUDGEMUNK

SCARICA LA VERSIONE INTERA DI GAZETTE EDIZIONE 1 – PDF


Condividi questo articolo e seguici:
error